Che cosa significa dare?

Che cosa significa dare? Spesso pensiamo che dare sia sinonimo di privazione. Ma l’atto del dare si riduce solo a questo?

Fromm affronta questo argomento nel libro L’Arte di Amare dove definisce alcune tipologie di persone in base al loro modo di dare.
Il tipo commerciale è colui che è disposto a dare ma solo in cambio di ricevere qualcosa. Il tipo arido invece vive il dono come un impoverimento e quindi si rifiuta di cederlo; altri invece trasformano l’atto del dare in sacrificio, traendo soddisfazione dalla privazione piuttosto che dalla gioia di donare.
Infine il tipo attivo è colui che, attraverso il dare, prova un sentimento di vitalità, potenza e gioia poiché in quell’atto si sente vivo.

Ma, oltre alle cose materiali, che cosa dà una persona all’altra? Dà se stessa, il suo tempo ed una parte della sua vita. Come dice Fromm, ciò non significa necessariamente sacrificare la propria vita per un’altra, ma dare ciò che di più vivo abbiamo in noi: la propria gioia, la propria tristezza e malinconia, la propria curiosità, il proprio umorismo e tutte le nostre caratteristiche che ci contraddistinguono.

La categorizzazione di Fromm sulle tipologie di persone e del loro rapporto con il dare non va vista in modo rigido e assoluto, ma solo a fine descrittivo di alcune caratteristiche legate all’azione del dare.
Penso infatti che molti di noi, durante la propria vita, abbiano mutato il loro modo di donare o che addirittura sperimentino modalità diverse, a volte contraddittorie, anche nello stesso periodo. Invito dunque alla riflessione sui propri modi di rapportarsi al dono, perchè la consapevolezza è una grande alleata per la nostra crescita interiore.